Philip Lhamsuren: Ogni grande viaggio inizia con un tocco di lana

Questa è la storia di una persona con un'antica conoscenza che scorre nelle sue vene, una persona che conosce le vie dei nomadi ed è consapevole di ciò che serve per sopravvivere nella natura. Philip Lhamsuren è l'avventuriero che si cela dietro il progetto Nomad Heat che si concentra sulla creazione di sacchi a pelo fatti a mano in lana naturale e pura, progettati per il campeggio ecologico. Come estensione organica di Home of Wool, Nomad Heat trova ispirazione nella ricca vita e nell'esperienza di Philip. Per scoprire chi è Philip e come è entrato a far parte della nostra missione, leggete questo articolo.

Philip Lhamsuren

Poche persone al mondo possono dire o mostrare attraverso le loro azioni una saggezza innata e primordiale. Philip Lhamsuren è una di queste. La sua vita merita di essere condivisa sotto forma di romanzo d'avventura o di film, ma al centro dell'esperienza di Philip c'è qualcosa di così arcaico che i nostri moderni strumenti di narrazione potrebbero solo scalfire la superficie.

Attraversa l'Amazzonia da solo, contando solo sulla sua bicicletta, sulla sua canoa e sul suo spirito. Philip trascorre un anno nella Legione straniera francese e lavora come cacciatore di lupi in Mongolia. Il suo corpo è adattato alle steppe, ai deserti, alle giungle e alle cime delle montagne del mondo. I viaggi che intraprende hanno spesso proporzioni bibliche, ma rimane umile di fronte alla natura e a se stesso.

"Faccio tutto questo perché sono cresciuto e lo amo, non lo faccio per sentirmi importante. Questo è il cuore del mio stile di vita", dice Philip.

Philip Lhamsuren è un esploratore e un artista. Il suo spirito libero e il suo desiderio di vagabondaggio sono il risultato della sua educazione, delle difficoltà della vita e del destino". Sono cresciuto sulla strada. Tutto è importante, tutto fa parte del destino e del karma dell'uomo", dice Philip.  

Fin da giovane si scontra con le avversità della vita. Dopo aver trascorso un anno e mezzo in un campo profughi cinese, Philip incontra persone di tutti i livelli della gerarchia sociale ed economica. Attraverso la sofferenza e l'indigenza, inizia il suo viaggio alla scoperta di sé. "Una cosa è essere poveri e miserabili, un'altra è fuggire dalla violenza. Vivendo con questi bambini, giocando con persone di tutte le religioni, si inizia a vedere", dice Philip.

Oltre all'influenza dei suoi continui viaggi e contatti con persone diverse, Philip eredita la mente aperta e il pensiero libero della madre Ganhand Lhamsuren. L'esperienza di vita e l'educazione hanno gettato le basi di un ragazzo curioso e audace.

Al centro della sua personalità ci sono le sue origini bulgare e mongole. "Sono stato fortemente influenzato dall'Oriente e dal modo di pensare dei nomadi, in cui è necessario essere in continuo movimento e riflettere sempre sulle difficoltà, accogliendole e rispettandole, perché la sofferenza è assolutamente obbligatoria nella vita", dice Philip.

Si ispira alla semplicità dei nomadi. L'idea di vagare all'orizzonte e di vivere un tutt'uno con la natura lo consuma completamente. "Mi piacciono le cose semplici, le cose semplici e chiare, la verità. Mi piace quando sei contro te stesso e non contro la natura", dice. I deserti e le steppe sono la sua casa e la natura è la sua maestra. Philip inizia lentamente ad assorbire i modi tradizionali dei nomadi e a rientrare in contatto con le sue radici mongole.

Tra la vita dura e la natura ancora più dura della Mongolia, Philip capisce il vero significato della sopravvivenza. Sia gli estranei che i parenti lo introducono all'arte della navigazione e della sopravvivenza, mentre Philip stesso impara a perdersi e a non arrendersi mai.

"Sono uscito dalla bolla intellettuale della mia famiglia perché volevo tornare dai miei antenati, nella Mongolia selvaggia. La Mongolia in cui dopo Ulaanbaatar, l'unica grande città del Paese, non iniziano altro che montagne sconfinate, steppe, deserti dove i nomadi vivono alla vecchia maniera", racconta Philip.

Lana di Mongolia

Una componente fondamentale per la sopravvivenza del popolo nomade della Mongolia è la lana. Secondo l'esperienza di Philip, senza la lana, l'esistenza stessa dei nomadi sarebbe impossibile nel clima ostile dei semi-deserti. "Hanno bisogno della lana, hanno bisogno del bestiame che allevano. È parte della loro vita, senza di essa non possono sopravvivere. Tutto è legato alla lana, alla carne dell'animale. Pecore, capre, cammelli, yak e cavalli: queste sono le cinque specie principali che allevano".

I forti venti e le temperature estreme fanno parte della vita dei nomadi mongoli. Oltre che per il clima rigido, i nomadi sono anche pressati da fonti di cibo limitate. Il suolo è povero e l'acqua è scarsa: è impossibile che si verifichi una rivoluzione agraria. L'ambiente ostile e la vegetazione debole costringono queste popolazioni a uno stile di vita nomade. Vivono alla costante ricerca di pascoli verdi per nutrire il bestiame e se stessi.

"Il mongolo non può esistere senza il suo bestiame. I pascoli vengono mangiati e devono essere alternati. Da 2 a 4-6 volte all'anno, si può cambiare luogo di vita alla ricerca di pascoli. Più il bestiame è grande, più è necessario spostarsi, poiché lascia la regione erbosa sterile e bisogna trovare un'altra fonte di vegetazione. È necessario spostarsi, questo è il modo di vivere dei nomadi", dice Philip. 

La codipendenza tra il nomade e il suo animale si manifesta al meglio nelle loro usanze religiose. "I nomadi sono interconnessi con la terra. Hanno molti rituali e credenze pagane senza i quali il loro mondo cesserebbe di esistere. Lanciano doni agli spiriti - spiriti mongoli, spiriti del deserto, spiriti della roccia, dell'acqua e del cielo - questo è il cosiddetto sciamanesimo", dice Philip.

Al centro dell'antico sciamanesimo c'è l'idea del sacrificio. L'offerta stessa di doni non è un atto di sregolatezza, ma è un investimento rituale. Il nomade dà ciò che ha ora per riceverlo indietro quando non avrà più nulla. Questo istinto pagano è il frutto della loro vita rude, dove il futuro è incerto e ogni azione è legata alla sopravvivenza dell'individuo.

Il nomade sa come adattarsi e utilizzare ciò che gli serve. La vita di strada richiede un approccio minimalista nei confronti dei beni domestici, degli effetti personali e della filosofia. La multifunzionalità di un oggetto o di un materiale è di estrema importanza. Per questo non sorprende che la lana sia profondamente radicata nella cultura dei nomadi mongoli.

"La lana è usata in tutto e per tutto. La yurta stessa è fatta di lana, lana pressata. I vestiti sono fatti di lana e pelle d'agnello - karakul. Il deel, l'abito nazionale mongolo, lungo come un impermeabile, è fatto di lana d'agnello dall'interno, molto pulita, morbida e calda", dice Philip.

La lana è un perfetto isolante e un materiale traspirante che regola la temperatura. Senza di essa, i nomadi non riuscirebbero a sopravvivere alle escursioni termiche e alle intemperie". Dalla lana si ricavano maglioni, calze e biancheria intima. È un abbigliamento fondamentale quando c'è molto vento e le temperature raggiungono i -45C e i +50C. Si può solo immaginare quanto queste persone debbano essere resistenti per vivere in queste condizioni", dice.

Nuovi orizzonti

La saggezza millenaria dei nomadi ha lasciato la sua impronta su Philip Lhamsuren. L'audacia della mentalità del sopravvissuto e la praticità della filosofia orientale lo rendono una persona che accoglie l'ignoto. Nonostante alcune riserve sulla sua capacità di operare nella giungla urbana, Philip entra nel mondo degli affari. Colpito dal pensiero innovativo di Rosica Petrova, la fondatrice di Home of Wool, decide di collaborare con lei e nasce così Nomad Heat.

"Il suo entusiasmo mi ha fatto partecipare all'impresa. Qualcuno deve spingerti a fare le cose che non sei disposto a fare: per questo abbiamo bisogno di altre persone, per concretizzare tutto questo. Ciò che mi ha spinto a perseguire tutto questo è stato il fatto che Rosica si occupa di lana, di materiali naturali. Questa è energia pura; un'energia che rispetto e che mi piace - è così che è successo. Mi piacciono i materiali e la sua personalità", dice Filippo.

La profonda conoscenza di Rosica nell'ambito del design e dei materiali naturali trova sostegno nell'attitudine di Philip alla praticità. Nomad Heat nasce come connubio tra la millenaria saggezza dei nomadi e l'odierna esigenza di prodotti sani e rispettosi dell'ambiente.

I sacchi a pelo sono realizzati in lana, lino e seta di gelso. L'ispirazione per la durata dei materiali e la multifunzionalità del prodotto deriva dalla cultura e dalla filosofia dei nomadi. Philip prende spunto dal design dell'abito nazionale mongolo chiamato deel, che può servire come abbigliamento, riparo temporaneo o letto. "È assolutamente pratico e funziona da secoli. Dalla cintura (33 piedi) si può ricavare un accampamento. Questo abbigliamento ha tutto, è il risultato di un'esperienza millenaria. Non dimentichiamo che è fatto di lana", dice Philip.

Proprio questa antica multifunzionalità è incorporata nei sacchi a pelo di Nomad Heat. "Anche nella cosa più perfetta che ho usato, vedo dei problemi. Se qualcosa è scomodo, semplicemente lo tolgo. Uso ciò che ho e di cui ho bisogno. Qui sono riuscito, senza esagerare, a creare questa funzionalità tanto necessaria. Si possono togliere le mani e i piedi e fare i propri bisogni senza dover lasciare il sacco a pelo. Questo è l'amalgama delle cose che ho visto in altri sacchi a pelo e della mia esperienza personale", dice.

Oltre al design accuratamente realizzato per favorire la mobilità e il sonno profondo, i sacchi a pelo sono adatti a resistere a fattori ambientali ostili e a potenziali rischi legati al campeggio. Secondo Philip, la lana è naturalmente resistente alle fiamme ed estremamente durevole: questo la protegge da strappi e incendi, che spesso possono verificarsi con i materiali sintetici durante gli spostamenti o il posizionamento vicino al fuoco.

Nella vita di un nomade, la durata è sinonimo di sicurezza, poiché la frequente sostituzione di indumenti o beni domestici di vitale importanza potrebbe essere fatale. In questo modo, la lana diventa naturalmente centrale per le abitudini dei nomadi, grazie alla sua resilienza e alla sua semplice manutenzione. Questo principio è incorporato nei sacchi a pelo di Nomad Heat.

"Il prodotto sarà duraturo se la lana viene mantenuta correttamente, poiché è un processo che richiede tempo: non deve bagnarsi, deve essere asciugata nel modo giusto - portandola fuori in un luogo ventilato e soleggiato", dice Philip. "L'igiene è direttamente correlata alla manutenzione del nostro corpo, e lo stesso vale per i materiali naturali".

Naturalmente, Philip Lhamsuren non impone il suo stile di vita agli altri. Il sacco a pelo è pensato per gli amanti della natura, per chi vive tra la città e la foresta. Il prodotto è perfetto sia per i dilettanti che per chi ha esperienza nel mondo del bushcraft.

Nonostante la prima impressione che Philip dà con le sue avventure, non sarebbe giusto definirlo un estremista. Egli segue ciò che è vero e lo trova nelle zone più selvagge e vive del mondo. Purtroppo, l'uomo di città ha dimenticato qual è il costo della più nuda e semplice delle verità. Per Philip, una persona deve imparare a fare sacrifici e a vivere al di fuori del mondo degli eccessi per raggiungere un livello di coscienza superiore. 

"La conoscenza non viene servita su un piatto d'argento: non si possono copiare i compiti e prendere una A, la vita non funziona così. È necessario pagare un prezzo: più si dà, maggiore è il ritorno", dice Philip.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

venti + 9 =